Sequestrato deposito di rifiuti di 10.000 mq

1' di lettura 14/03/2023 - La Guardia di Finanza di Venezia, nell’ambito delle tradizionali attività di controllo economico del territorio, ha sottoposto a sequestro, negli scorsi giorni, un posto adibito a deposito di rifiuti situato in località Tessera.

In particolare, i Baschi Verdi della Compagnia Pronto Impiego hanno individuato un terreno privato di oltre 10.000 metri ricoperto di rifiuti speciali, potenzialmente dannosi per l’ambiente; l’approfondita ricognizione dell’area ha permesso di riscontrare la presenza di un ingente cumulo di rifiuti vari quali pneumatici, materiale edile di risulta, materiale ferroso, rottami, elettrodomestici e perfino la carcassa di una roulotte.

Immediati riscontri eseguiti tramite le banche dati in uso al Corpo hanno permesso di risalire al proprietario del fondo il quale, di fatto e senza alcun regolare contratto, lo aveva concesso in libero uso ad altro soggetto.

Unitamente al personale dell’ARPA Venezia si è dunque provveduto ad una compiuta classificazione dei rifiuti rinvenuti al fine di verificare un’eventuale inquinamento delle falde acquifere.

I finanzieri hanno, quindi, recintato e sottoposto a sequestro l’intera area, denunciando alla Procura della Repubblica di Venezia l’utilizzatore del terreno per la violazione di cui all’art. 256, commi 1 e 3, del D.Lgs. 152/2006 (Attività di gestione di rifiuti non autorizzata), procedendo altresì alle dovute segnalazioni al Comune per l’avvio delle procedure di bonifica e ripristino dei luoghi.






Questo è un articolo pubblicato il 14-03-2023 alle 11:52 sul giornale del 15 marzo 2023 - 52 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dXnW





logoEV
qrcode