SEI IN > VIVERE VENEZIA > CRONACA
articolo

Scoperta maxi frode sui fondi Pnrr, 22 arresti e sequestri per 600 milioni di euro

1' di lettura
16

La guardia di finanza di Venezia ha scoperto una maxi frode ai danni della Ue su fondi Pnrr: sono state eseguite misure cautelari nei confronti di 24 persone (8 in carcere, 14 arresti domiciliari e 2 interdittive a svolgere attività professionale) e sequestri per più di 600 milioni di euro.

L’ordinanza è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Roma su richiesta dell’ufficio di Venezia della procura europea. Oltre 150 finanzieri hanno eseguito perquisizioni in Veneto, Lombardia, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Lazio, Campania e Puglia; le indagini hanno riguardato anche Slovacchia, Romania e Austria, in collaborazione con le forze di polizia locali.

Secondo l'accusa gli arrestati avrebbero fatto parte di un'associazione criminale dedita a ottenere illecitamente i fondi Ue del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Con la collaborazione di professionisti e prestanome gli indagati avrebbero creato società la cui attività era unicamente la produzione di documenti con cui richiedere i fondi del Pnrr. Avrebbero quindi creato dei progetti per ottenere i fondi destinati alla digitalizzazione, innovazione e competitività nel sistema produttivo ed erogati da SIMEST, pur senza realizzarli effettivamente. Inoltre con le stesse società avrebbero anche creato crediti inesistenti nel settore edilizio (bonus facciate) e per il sostegno della capitalizzazione delle imprese (ACE), per circa 600 milioni di euro.

Gli ingenti profitti illeciti ottenuti sarebbero poi stati riciclati attraverso un complesso reticolato di società fittizie artatamente costituite anche in Austria, Slovacchia e Romania. Tra i beni sequestrati nel corso dell'operazione, oltre ai 600 milioni di crediti, ci sono appartamenti e ville signorili, importanti somme in criptovalute, gioielli, oro, orologi e auto di lusso.



Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2024 alle 17:45 sul giornale del 05 aprile 2024 - 16 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode